IncrediBOL! 2023: scopri il bando

Il bando scade il 10 ott 2023

C’è tempo fino al 10 ottobre 2023 per partecipare alla dodicesima edizione del bando per lo sviluppo di progetti d‘impresa culturali e creative dell’Emilia-Romagna.

Dal 14 al 27 settembre scopri il bando 2023 negli appuntamenti a Bologna, Faenza, Piacenza, Ferrara e online dell’IncrediBOL! tour.

Sono inoltre disponibili le FAQ del bando.


 

Incredibol! dal 2010 favorisce la crescita e la sostenibilità del settore culturale e creativo attraverso il coordinamento di azioni, risorse e benefici di diverso tipo messi a disposizione da una rete di partner pubblici e privati. 


Incredibol! si inserisce all'interno dell'accordo quadro tra Regione Emilia-Romagna e Comune di Bologna per lo sviluppo di azioni per il rafforzamento delle industrie culturali e creative dell’Emilia-Romagna ed è coordinato dal Comune di Bologna con il contributo della Regione Emilia-Romagna.


1. OBIETTIVI
Incredibol! ha lo scopo di sostenere lo sviluppo di progetti d'impresa in campo artistico, culturale e creativo, favorendo la crescita del settore in un'ottica di sostenibilità economica e ricambio generazionale delle “Imprese Culturali e Creative (ICC)”. Il progetto ha come principali destinatari i giovani creativi agli inizi dell'attività con un’idea imprenditoriale valida e già costituiti come impresa, come liberi professionisti o organizzati in un'associazione; in particolare Incredibol! intende incentivare progetti d'impresa ben definiti, che illustrino l'idea di sviluppo dell'attività professionale o imprenditoriale delineandone la strategia, il volume di affari, gli investimenti, gli effetti socialmente significativi previsti.

2. AMBITI AMMISSIBILI
Ai fini del presente avviso, la definizione di ‘imprese culturali e creative’ adottata è quella citata nella Legge 205/2017, comma 57 art. 1, ovvero realtà aventi una attività stabile e continua e aventi “per oggetto sociale esclusivo o prevalente l'ideazione, la creazione, la produzione, lo sviluppo, la diffusione, la conservazione, la ricerca e la valorizzazione o la gestione di prodotti culturali, intesi quali beni, servizi e opere dell'ingegno inerenti alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, alle arti applicate, allo spettacolo dal vivo, alla cinematografia e all'audiovisivo, agli archivi, alle biblioteche e ai musei, nonché al patrimonio culturale e ai processi di innovazione ad esso collegati”. 
Dato l'alto grado di interdisciplinarietà che caratterizza il settore, questo modello è da ritenersi indicativo e non esaustivo. 

3. SOGGETTI AMMISSIBILI
Possono presentare domanda imprese, liberi professionisti, studi associati, e associazioni attivi nel settore artistico, culturale e creativo
Tutti i soggetti devono avere sede operativa e attività prevalente nel territorio della Regione Emilia-Romagna alla data del 30 giugno 2023. Inoltre i soggetti devono possedere i requisiti specifici della propria tipologia di appartenenza, ovvero: 

Tipologia A
- Le neo-imprese (indipendentemente dalla forma giuridica), alla data di scadenza del presente avviso pubblico, devono essere costituite da non più di 4 anni (elemento rilevabile dalla data di iscrizione al registro imprese) e i soci devono avere un’età media inferiore ai 40 anni; 

Tipologia B 
- I liberi professionisti, alla data di scadenza del presente avviso, devono avere iniziato l'attività da non più di 4 anni (elemento rilevabile dalla data di apertura della partita IVA) e non devono avere ancora compiuto 40 anni;
- gli studi associati, alla data di scadenza del presente avviso pubblico, devono essere composti da singoli professionisti che abbiano iniziato l'attività da non più di 4 anni (elemento rilevabile dalla data di apertura della partita IVA) e i componenti devono avere un'età media inferiore ai 40 anni; 

Tipologia C 
- le associazioni da statuto devono risultare attive nei settori specificati al punto 2. Alla data di scadenza del presente avviso pubblico, devono essere costituite da meno di 4 anni. Inoltre, alla data del 30 giugno 2023, devono avere un organo di gestione (Consiglio di Amministrazione o Consiglio/Comitato Direttivo, composto solitamente da Presidente, Vicepresidente, Segretario, Tesoriere ed eventuali altri Consiglieri) costituito in maggioranza assoluta (50% più uno) da membri di età inferiore ai 40 anni, oppure le cui cariche principali (Presidenza e Vicepresidenza) in seno all’Organo di Gestione (Consiglio di Amministrazione o Consiglio/Comitato Direttivo) devono essere ricoperte da membri di età inferiore ai 40 anni. 


4. LIMITAZIONI ALLA PARTECIPAZIONE E CAUSE DI ESCLUSIONE 
1) i soggetti già vincitori di precedenti avvisi Incredibol! non possono partecipare alla presente selezione;
2) sono ammissibili progetti che prevedano attività di somministrazione al pubblico solo se in funzione secondaria e strumentale rispetto all’oggetto principale del progetto d’impresa o di sviluppo; 
3) i partecipanti al presente avviso, al momento della partecipazione, dovranno:

  • non aver commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e delle tasse;
  • essere in regola con il DURC, per i soggetti tenuti a produrlo;
  • non aver commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi di pagamento di canoni, tributi e imposte locali nei confronti del Comune di Bologna;

4) ciascun partecipante può presentare una sola domanda e le persone fisiche possono rientrare in un solo progetto come titolare, socio d’impresa o amministratore.


5. OPPORTUNITÀ PER I SOGGETTI SELEZIONATI
Attraverso il presente avviso pubblico saranno assegnati contributi a fondo perduto per complessivi € 120.000,00 per la selezione di progetti di imprese, liberi professionisti, studi associati o associazioni, a cui verranno assegnati contributi in denaro per lo sviluppo dell'attività per un contributo pari a un massimo di € 15.000,00 ciascuno.
Tale contributo dovrà corrispondere a un massimo dell’80% delle spese ammissibili rendicontate, come indicato all’articolo 6.

I contributi in denaro saranno erogati ai sensi del regime “de minimis”, come definito dalla vigente normativa europea: Regolamento N. 1407/2013 del 18 dicembre 2013, e saranno soggetti alla ritenuta IRPEF del 4%, per attività commerciale, ove applicabile. 
I contributi potranno essere erogati in via anticipata, fino al massimo del 70% dell’importo riconosciuto, su richiesta motivata del beneficiario, e per la restante parte a rendicontazione delle spese sostenute. 


A seconda dei progetti idonei, in caso di ulteriore disponibilità di fondi nel corso dell’anno 2023, potranno essere finanziati altri progetti ammessi, in ordine di graduatoria. 

 

Oltre ai contributi in denaro, vengono messe a disposizione dei soggetti selezionati diverse opportunità in base alla tipologia di progetto presentato e alle priorità indicate, ovvero: 
a) affiancamento per la crescita del progetto e la definizione di attività su misura; 
b) attività di informazione, formazione e consulenze specialistiche messe a disposizione dalla rete dei partner di Incredibol!; 
c) attività di promozione, networking e comunicazione attraverso i canali online e offline del Comune di Bologna (progetto Incredibol!, Cultura Bologna e Bologna Città Creativa della Musica UNESCO) o grazie al coinvolgimento del Comune di Bologna in reti, attività e/o progetti nazionali ed internazionali; 
d) in caso di disponibilità, partecipazione a bandi riservati ai vincitori delle diverse edizioni di Incredibol! per l'assegnazione di spazi di proprietà del Comune di Bologna in comodato gratuito;
f) eventuali ulteriori opportunità che si rendessero disponibili.

 

6. SPESE AMMISSIBILI
Sono ammesse a rendicontazione le seguenti spese sostenute nel periodo compreso tra la data di concessione del contributo di cui al presente bando (coincidente con la data di esecutività dell'atto di impegno) e il 31/10/2024, e strettamente e direttamente riferibili al progetto selezionato:


A. Spese per opere edili, murarie e impiantistiche per l’adeguamento alle condizioni necessarie alla realizzazione dell’investimento proposto e finanziato, con l’eccezione dei casi in cui i locali coincidano con la residenza del legale rappresentante e/o dei soci;

B. Spese per progettazione, direzione lavori e collaudo connessi agli interventi. Tali spese sono riconosciute nella misura massima del 10% del totale delle spese per opere edili, murarie ed impiantistiche;

C. Spese per acquisto e noleggi di macchinari, attrezzature, infrastrutture telematiche, tecnologiche, digitali finalizzate alla realizzazione a titolo esemplificativo di piattaforme, siti web, al miglioramento della connettività di rete, alla digitalizzazione e la dematerializzazione dell’attività, la sicurezza informatica, la fatturazione elettronica, il cloud computing, il business process, compresa la strumentazione accessoria al loro funzionamento;

D. Acquisizione di brevetti, licenze software, cloud e di servizi applicativi o altre forme di proprietà intellettuale, spese per l’ideazione del marchio necessari al conseguimento degli obiettivi dell’intervento;

E. Spese per beni immateriali: la realizzazione di siti internet e loro aggiornamento; progetti riferiti al commercio elettronico; programmi informatici e servizi per le tecnologie di informazione e della telecomunicazione, realizzazione di show rooms virtuali, marchi e brevetti, banche dati, know how e licenze d’uso concernenti nuove tecnologie di processo o di prodotto relativi al prodotto o servizio obiettivo dell’intervento;

F. Spese per l’acquisizione di servizi, consulenze e collaborazioni esterne;

G. Spese di personale per la quota parte impiegata sul progetto, documentata attraverso timesheet;

H. Spese per la promozione, compresa la progettazione e la diffusione di depliant, locandine, cartellonistica, manifesti, cataloghi strettamente connesse al progetto, spese per la realizzazione di iniziative e strumenti di comunicazione (brochure e/o materiale editoriale), e per la partecipazione a fiere/mercati relativi al prodotto o servizio obiettivo dell’intervento fino ad un massimo di 10.000 euro.

Le spese si intendono iva esclusa salvo nei casi in cui tale imposta non sia recuperabile e saranno erogate a fondo perduto nella misura percentuale al 80% della spesa ammissibile.


Non possono essere portate a rendiconto:


a) le spese sostenute per fornitura di beni e servizi da parte di società controllate e/o collegate al richiedente/beneficiario con assetti proprietari sostanzialmente coincidenti e comunque tutte le spese riguardo alle quali si ravvisi una effettiva elusione del divieto di fatturazione fra imprese appartenenti “all’impresa unica” (ex art. 2 c. 2 del Regolamento (CE) n. 1407/2013) come specificato all’art. 11, c. 2.1, lettera b);
b) le spese in autofatturazione;
c) le spese per le quali si è chiesto e/o ottenuto il rimborso da parte di altri progetti e/o finanziamenti;
d) interventi per i quali si è chiesto e/o ottenuto il rimborso da parte di compagnie assicurative;
e)  rimborsi a titolari/soci e amministratori;
f) non sono ammesse a rendicontazione imposte e tasse (IVA, imposte di registro, bolli, ecc.) ad eccezione dell’IVA se indetraibile. Nei casi di regimi fiscali con IVA indetraibile il soggetto beneficiario dovrà presentare apposita dichiarazione firmata dal legale rappresentante con l'indicazione dei relativi riferimenti di legge.

 

7. RENDICONTAZIONE DELLA SPESA 
I beneficiari dei contributi sono tenuti a presentare la rendicontazione di tutte le spese sostenute, entro e non oltre il 30 novembre 2024, secondo le indicazioni che saranno fornite dagli uffici amministrativi. 


Il rendiconto dovrà essere corredato dall'elenco dettagliato delle spese effettivamente sostenute, completo degli estremi dei documenti validi ai fini contabili e fiscali e delle relative modalità di pagamento. 


L’Amministrazione si riserva di effettuare controlli a campione della documentazione fornita. 

 

8. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
Le domande di partecipazione al presente avviso devono essere trasmesse esclusivamente compilando il modulo on-line relativo, al seguente link: 
https://moduli.retecivica.lepida.it/ComuneBologna_Incredibol2023. La domanda dovrà essere completata in ogni sua parte ed inviata entro e non oltre le ore 13.00 del 10 ottobre 2023
Farà fede l'orario di arrivo della domanda di partecipazione registrato dal server del Comune di Bologna. 


Il servizio è accessibile solo con credenziali SPID (maggiori informazioni sulla registrazione alla pagina comune.bologna.it/servizi-informazioni/modalita-registrazione). Il form può essere compilato dal legale rappresentante dell’organizzazione o dal referente del progetto tramite le sue credenziali personali. In quest’ultimo caso è necessario allegare al form una delega del legale rappresentante dell’organizzazione e copia di un suo documento di identità. 

 

9. CRITERI DI VALUTAZIONE
I progetti saranno valutati sulla base dei seguenti criteri: 


1 - Qualità del progetto relativamente a potenzialità di sviluppo, professionalità e grado di appartenenza al settore artistico, culturale e creativo (max 25 punti); 
2 - Composizione del team di progetto (max 10 punti); 
3 - Fattibilità tecnica e sostenibilità economica (max 25 punti); 
4 - Ricadute economiche e/o sociali del progetto sul territorio e/o coerenza con le vocazioni territoriali (distretti produttivi, strategie di sviluppo regionale, caratteristiche socio-culturali) (max 10 punti); 
5 - Grado di innovatività del progetto rispetto al contenuto creativo e/o all'interesse sociale (max 20 punti); 
6 - Accuratezza, qualità e chiarezza della presentazione del progetto (max 10 punti).

 

L'idoneità è fissata in 60/100 punti. In caso di parità di punteggio si darà priorità ai soggetti con età media dei componenti più bassa. 


10. PROCEDURA DI SELEZIONE E GRADUATORIA
I partecipanti saranno selezionati da una commissione di esperti presieduta dal Direttore del Settore Cultura e Creatività del Comune di Bologna o suo delegato e formata da tecnici del Comune di Bologna e da rappresentanti della Regione Emilia-Romagna; la commissione sarà nominata dopo la scadenza del termine di presentazione delle domande e potrà essere coadiuvata da una segreteria tecnica. 
La commissione potrà, in fase di valutazione dei progetti, richiedere chiarimenti e approfondimenti ai partecipanti e avvalersi di consulenti esterni per acquisire eventuali chiarimenti su aspetti tecnici. 
La commissione, a conclusione delle attività di valutazione, formulerà una graduatoria di merito di tutti i progetti presentati. La graduatoria avrà validità per un periodo di 6 mesi dalla data di approvazione. 


11. COMUNICAZIONE ESITO E TERMINI DI CONFERMA
L'esito della procedura di selezione sarà pubblicato sul sito del Comune di Bologna (https://www.comune.bologna.it/governo/concorsi-avvisi-bandi) e ne sarà data specifica comunicazione a ognuno dei soggetti partecipanti.


12. INFORMAZIONI E CONTATTI
Durante l'apertura dell’avviso pubblico, lo staff di Incredibol! è disponibile per chiarimenti e informazioni, scrivendo a incredibol@comune.bologna.it
Si consiglia, inoltre, di consultare periodicamente il sito www.incredibol.net per aggiornamenti. 

 

Sul sito del Comune di Bologna saranno pubblicate tutte le informazioni e i chiarimenti rispetto alle domande frequenti che emergeranno dai potenziali partecipanti durante il periodo di apertura dell'avviso. 

 

Scarica il bando e gli allegati dal sito del Comune di Bologna (le versioni ufficiali e valide sono disponibili a questa pagina)

Consulta le FAQ del bando, sempre sul sito del Comune di Bologna.