#iubenda-pp-overlay {z-index: 100000!important;} #iubenda-pp {z-index: 100001!important;}
Home » Approfondimenti » Cue Press – Vincitore Incredibol! 2016: le arti dello spettacolo tra tradizione e innovazione

Cue Press – Vincitore Incredibol! 2016: le arti dello spettacolo tra tradizione e innovazione

Cue /kju:/ in inglese significa «battuta d’entrata, attacco, suggerimento, imbeccata».
E’ alla fine del 2012 che nasce Cue Press, la prima casa editrice digitale italiana interamente dedicata alle arti dello spettacolo, coniugando il recupero di un prezioso patrimonio culturale e librario ai più elevati standard tecnologici e moderni di distribuzione. 
A fronte di una materialità che va assottigliandosi sempre di più,  il libro non viene concepito come ‘oggetto’ ma come ‘pro-getto’.  Non solo una casa editrice quindi, ma un vero e proprio laboratorio di idee per costruire modelli nuovi per l’editoria e moderne modalità di produzione culturale.

Cue produce libri digitali (ebook) e libri cartacei con un processo di stampa digitale (on demand). L’agilità e l’economia del digitale permettono il recupero di testi fondamentali non più disponibili e la proposta di novità di valore, declinando un immenso patrimonio culturale in vista di un pubblico che esiste ed è reattivo, ma non è più raggiunto (e forse raggiungibile) dai metodi dell’editoria tradizionale. Le nicchie di mercato che si esploreranno spaziano dal cinema all’arte, dal fumetto alla musicologia.

Le edizioni Cue propongono il meglio dell’editoria dello spettacolo, italiana ed internazionale, e sono suddivisi in quattro collane principali:

Ogni libro sarà reperibile in quattro formati di lettura:
Versione cartacea, da ricevere a casa in massimo cinque giornate lavorative.
ePub, standard internazionale, fruibile da ogni tipo di dispositivo per la lettura.
Mobi per Amazon Kindle.
Ieb (Interactive e-book), che diventerà il formato principe: una piattaforma digitale interattiva, multimediale e versatile, per una nuova e ampliata esperienza di lettura.

A titolo di esempio citiamo “Giuseppe Verdi a Napoli” di Antonio Tarantino, opera “ancora fresca di pixel”. Partendo dal presupposto che Giuseppe Verdi sia stato più volte a Napoli, e lì abbia incotrato il suo librettista Salvatore Cammarano, aldilà del carteggio relmente esistente, si immagina un dialogo tra il ricco e famoso musicista e il poeta povero. Il tutto mediato da Caterina, donna del popolo schietta e dai modi spicci, in un crescendo di parole ricco di umanità.

 

Cue Press è in via selice 84a a  Imola (Bologna)
Per contattarli +39 3332248590 oppure info@cuepress.com
Scopri di più cliccando qui

Oppure alle pagine:

facebook

twitter

instagram

 

X